Search for content, post, videos

Visitare Malta: i luoghi imperdibili

Porto di Malta al tramonto

Se state pianificando le vostre vacanze a Malta, assicuratevi di inserire nel programma di viaggio tutti i luoghi migliori dell’isola.

Situata a sole poche manciate di chilometri dalla Sicilia, Malta offre infiniti motivi per apprezzarla: storia, architettura, natura, divertimento e paesaggi mozzafiato sapranno affascinarvi a tal punto da volerci tornare. Ecco allora i luoghi imperdibili dell’isola di Malta.

 

 

Cosa vedere a Malta

Cosa vedere a La Valletta


La capitale dell’isola è il luogo dove maggiormente si può respirare il carattere mediorientale di Malta. Infatti è soprattutto nell’architettura della città che si notano le tante somiglianze con quella che potrebbe essere una cittadina araba caratterizzata da un crogiolo di vie che si intrecciano regolarmente in un susseguirsi di salite e discese.

Via tra case gialle in tufo a Malta
È proprio camminando tra queste vie che si coglie la bellezza della città; basta osservare i palazzi, le infinite botteghe e scrutare gli abitanti sporgersi dalle gallarija – i balconi chiusi all’interno dei quali storicamente le donne nobili si riparavano dal sole per non essere così confuse con chi, lavorando nei campi, aveva invece una carnagione più scura.

finestre balconate Malta

La maggiore attrazione della città è la Co-Cattedrale di San Giovanni, una chiesa che ospita al suo interno alcune delle più belle opere del Caravaggio e che è visitabile con l’acquisto di un biglietto di circa €6. È però agli Upper Barrakka Gardens che si radunano molti dei visitatori della Valletta; proprio da questa balconata infatti si può avere una grande visuale sul porto nonché accesso al Saluting Battery, il museo Militare di Malta.

Mdina


In cima ad una collina nella zona interna di Malta si trova Mdina, antica capitale dell’isola conosciuta anche come “la città silenziosa”.
L’atmosfera che si vive camminando per le sue strade è proprio quella di pace e tranquillità, dove i palazzi e i loro colori raccontano la storia della cittadina a cui è possibile accedere tramite due differenti portoni d’accesso: Main Gate e Greek’s Gate.

Mdina ragazza in un sentiero nella medina a Malta

 

Rabat


Poco distante da Mdina si trova invece Rabat, il luogo in cui si dice abbia vissuto San Paolo. Le catacombe di San Paolo sono infatti una meta speciale per gli appassionati di archeologia che, visitando anche la Villa Romana, potranno ammirare le testimonianze che hanno portato alla cristianizzazione della città.


Cosa vedere a Marsaxlokk

Marsaxlokk è uno degli angoli più colorati di Malta, un villaggio di pescatori che deve il proprio nome al vento Scirocco che lo sfiora provenendo dal Nord Africa.
Il momento migliore per visitare questo paese è la domenica mattina quando è possibile camminare tra le bancarelle del mercato dove si vende artigianato locale e prodotti ittici.  A catturare l’attenzione però, sono certamente i colori delle imbarcazioni ormeggiate al porto, che si chiamano iuzzu, il vero simbolo del villaggio; durante un viaggio a Malta, perciò, un’escursione a Marsaxlokk è vivamente consigliata.

barche colorate nel porto di Marsaklokkx

 

Blue Grotto

Spesso accomunata alla Grotta Azzurra di Capri, la Blue Grotto (grotta blu) di Malta è allo stesso modo una grotta naturale, seppur dalle dimensioni maggiori.
È possibile vedere la grotta da vicino e dall’interno, salendo sulle piccole imbarcazioni dei pescatori che ospitano una decina di passeggeri al costo di €8 circa, dalle 9 alle 16.

promontorio roccioso sul mare blu con agave

 

Dingli Cliffs

Ad una decina di chilometri dalla Valletta si trova Dingli, un villaggio situato su uno dei punti più alti di Malta a circa 250 metri sul livello del mare.
Quest’altezza fa si che la costa maltese sia qui caratterizzata da una serie di alte scogliere, le Dingli Cliffs appunto, e da splendidi panorami.

 

Vita notturna a Malta: St. Julian e Paceville

Se volete visitare Malta senza rinunciare al divertimento e alle notti mondane, l’isola non vi deluderà.
Tutta la baia di St. Julian e il suo famoso quartiere di Paceville sono i più adatti per la movida notturna; sono infatti queste le zone più frequentate dai giovani che si dividono tra serate in discoteca, al pub, nei club o lunghe nottate sulla spiaggia.

 

 

 

Le isole dell’arcipelago di Malta

 

Gozo

Fare un viaggio a Malta senza recarsi a Gozo e Comino significa perdersi parte della bellezza dell’arcipelago.
Gozo, raggiungibile dal porto di Cirkewwa in circa mezz’ora di navigazione, ha un aspetto molto selvaggio nonostante ad abitarla siano circa trentamila persone; le strade dissestate e la terra color ocra sono le cose che più saltano all’occhio, ma quando gli scorci si aprono sul mare è come respirare una boccata di aria freschissima in mezzo al caldo soffocante che spesso si vive qui.
L’attrazione principale ed imperdibile di Gozo è la Azure Window, una roccia calcarea che gli agenti atmosferici hanno trasformato in un vero e proprio arco attraverso cui ammirare il Mediterraneo e parte della costa dell’isola.

Azure Window Gozo ponte di roccia sul mare

Proprio nei pressi di questo arco si trova inoltre il Blue Hole, uno dei più famosi luoghi per fare immersioni di tutto l’arcipelago.
Per chi invece ama di più la vita da spiaggia, a Gozo è imperdibile Ramla Bay, famosa per il colore rosso della sua sabbia.

 

Comino e Cominotto

Comino, decisamente più piccola per dimensioni, non ospita abitanti ma la semplicità pura della natura. Il colore del mare che attornia quest’isola è qualcosa di speciale, un azzurro così intenso da sembrare quasi finto. Invece è proprio la veridicità di questo splendore che richiama alla Blue Lagoon – spiaggia più famosa di Comino – così tante persone da affollarla in modo a volte esagerato.
Cominotto, infine, è un piccolo isolotto che si trova proprio davanti alla Blue Lagoon ed è raggiungibile solamente a nuoto – ma fate attenzione alle meduse!

 

Marta Gianotti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Leggi articolo precedente:
Museo della Figurina
Il Museo della Figurina a Modena

Mi sono ritrovata a visitare il Museo della Figurina in occasione del suo decimo compleanno, nel 2016. Il Museo infatti...

Chiudi