Search for content, post, videos

Cosa fare a Firenze: 10 consigli fondamentali

Firenze case riflesse

Un viaggio a Firenze, capitale mondiale del Rinascimento, può essere un’intensa esperienza soprattutto se è la prima volta. Quando Stendhal la visitò, nel 1817, fu sopraffatto dall’emozione. Per sfruttare al meglio la vostra visita e per evitare di soccombere alla sindrome di Stendhal, vi elenco 10 consigli utili per un primo viaggio a Firenze.

1. Rispolverate le vostre conoscenze di storia

Firenze ha una storia ricca e affascinante, che risale ai tempi dei romani. Fu fondata da Giulio Cesare nel 59 a.C. come insediamento per i suoi soldati. Nel Medioevo divenne una città fiorente e nel XV secolo si espanse a tal punto da essere una delle città più grandi d’Europa. Fu governata per più di tre secoli dalla famiglia Medici. Fu influenzata da potenti personalità come Machiavelli e Savonarola e frequentata da scienziati e artisti come Galileo e Michelangelo. Il loro operato ebbe un impatto così forte sulla città che è visibile ancora oggi. Per una migliore comprensione della città, consiglio vivamente di leggere un po’ di storia. “Le pietre di Firenze” di Mary MacCarthy è una buona introduzione all’arte, alla storia e alla cultura di questa straordinaria città. “La cupola del Brunelleschi” di Ross King è, invece, un buon libro che racconta la storia affascinante della costruzione del Duomo.

2. Evitate di andare d’estate

Firenze si popola d’estate. È piena di turisti accaldati che girano incessantemente sotto un sole cocente. Le temperature possono arrivare fino a 38 gradi e non è affatto piacevole visitare edifici storici e monumenti con questa temperatura. Meglio una visita in primavera o in autunno, quando la città è meno affollata e l’atmosfera è più rilassata.

3. Prenotate i biglietti per i musei in anticipo

Se volete visitare le principali attrazioni come il Museo degli Uffizi ed evitare lunghe code, consiglio di prenotare i biglietti online e in anticipo. Soprattutto se vi recate a Firenze la prima domenica del mese, quando i musei e le gallerie non sono a pagamento. Pianificate bene le vostre visite poiché, durante la settimana, alcuni musei e gallerie potrebbero essere chiusi. Sul sito www.firenzemusei.it trovate tutti i consigli utili.

Firenze Uffizi dall'Arno

4. Provate i piatti locali

Non c’è cosa migliore della cucina italiana. Ogni città e regione ha le proprie specialità locali. Per gli amanti della carne vi è la classica bistecca alla fiorentina. Popolari sono gli spuntini da strada come i panini con la trippa o il lampredotto (lo stomaco di mucca). I menù delle trattorie tendono ad essere principalmente a base di carne, ma niente paura per i vegetariani che si possono gustare una ribollita (la zuppa di verdure con cavolo nero e cannellini), una pappa al pomodoro (la zuppa di pomodoro con il pane), una panzanella (insalata di pane e verdura) o una cecina (farinata di ceci). Il tutto va assolutamente gustato con un ottimo bicchiere di Chianti!

5. Una visita a gallerie e musei meno conosciuti

Anche se non si vogliono perdere le famose opere degli Uffizi e della Galleria dell’Accademia, Firenze ha alcuni eccellenti musei meno conosciuti da non sottovalutare. Il Museo del Bargello, situato in un imponente edificio del XIII secolo, possiede una fantastica collezione di sculture rinascimentali, tra le quali spiccano i capolavori di Donatello, Michelangelo, Verrocchio, Cellini e Luca della Robbia. Il Monastero di San Marco contiene dipinti del monaco ed artista Beato Angelico. Splendide sono anche le cellette splendidamente decorate. Dopo una full immersion di arte sacra, una visita al Museo di Storia Naturale de La Specola è quello che ci vuole.

6. Ammirate la vista sulla città

Firenze offre splendidi panorami. Per ammirare una vista spettacolare sulla città si può salire sul campanile del Duomo oppure percorrere la collina, appena fuori la città, che porta a Piazzale Michelangelo. Preparatevi ai sensi visivi, perché il panorama mozzafiato è qualche cosa di straordinario. Per non farsi mancare niente, si può fare una breve gita a Fiesole, una cittadina collinare a pochi chilometri dalla città.

Firenze vista da piazzale Michelangelo

7. Scoprite le chiese

Scoprire le chiese di Firenze è senza dubbio una delle cose più belle da fare. Sembra che ogni chiesa abbia almeno un paio di gemme nascoste sotto forma di affreschi medievali o capolavori del Rinascimento.

Firenze battistero

Basti pensare alla grande Basilica di Santa Maria Novella ricca di opere di Botticelli, Ghirlandaio, Paolo Uccello, Masaccio e Filippino Lippi. Per non parlare di Santo Spirito con una notevole collezione di dipinti tra cui un crocefisso ligneo di Michelangelo. E ancora la vicina Cappella Brancacci, parte di Santa Maria del Carmine è stata descritta come la “Cappella Sistina del primo Rinascimento” per il suo innovativo ciclo di affreschi. Santa Croce è invece detta il “Tempio dell’Itale glorie” per le numerose tombe di fiorentini illustri. Anche qui si trovano meravigliosi affreschi di Giotto che mostrano la vita di San Francesco e quelli di Gaddi nella Cappella Maggiore che raffigurano la storia della chiesa. Imponente è la Cattedrale di S. Maria del Fiore in stile gotico, la cui facciata è ricoperta di marmi color rosa, bianco e verde. All’interno della sua cupola si ammirano i bellissimi affreschi del Giudizio Universale di Giorgio Vasari.

Interno cupola duomo Firenze

8. Esplorate l’Oltrarno

Attraversare Ponte Vecchio e ammirare Palazzo Pitti è un must per la maggior parte dei turisti. Ma il lato sud del fiume Arno, conosciuto meglio come Oltrarno (al di là dell’Arno) merita un ulteriore approfondimento. In questa zona, infatti, vi sono una grande selezione di ristoranti, bar, trattorie e negozi di artigiani. Nel pomeriggio ci si può inoltrare fino al Giardino di Boboli. Verso sera, tuttavia, gustare un aperitivo nel vivace quartiere Santo Spirito è senz’altro una tra le cose da non perdere.

9. Una gita di un giorno

Con più giorni a disposizione, l’ideale è fare una gita fuori porta. A circa 80 km a Nord di Firenze si arriva alla splendida cittadina di Lucca dalla cinta muraria intatta e dai tesori medievali che rimandano indietro nel tempo. A circa un’ora di auto a sud, vi è Siena, il cui centro storico è inserito nel Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Una gita nelle campagne limitrofe e nelle eccellenti cantine di vino è un altro suggerimento da non perdere.

10. Non riempite troppo la valigia

Per gli amanti dell’arte e dello shopping artigianale, Firenze è davvero un paradiso. Cercare articoli di pelletteria al Mercato di San Lorenzo, gioielli su Ponte Vecchio e oggetti di design in Via de’ Tornabuoni è d’obbligo per chi si reca anche solo un giorno in città. Regali di qualità si possono acquistare nel bellissimo negozio il Papiro, mentre l’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella vende essenze uniche a base di ricette antichissime sviluppate da frati domenicani. Negozi e mercati di antiquariato non mancano, soprattutto in Via Maggio, famosa per essere la via degli antiquari.

Firenze Ponte Vecchio

Con questi consigli utili per scoprire bene Firenze, non vi resta che fare le valigie!

 

Giovanna Meda

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Leggi articolo precedente:
Medersa Ben Youssef Marrakech
9 cose da sapere prima di andare a Marrakech

Sono tornata da poco da un viaggio a Marrakech. Per mia fortuna mi ero informata bene prima della partenza e...

Chiudi