Search for content, post, videos

5 cose originali da fare a Barcellona

Barcellona

Se anche voi come me siete stanchi di sentire parlare di Rambla, Boqueria e Sagrada Familia perché – per carità – sono suggestivi, ma c’è molto altro da fare a Barcellona, forse dovreste continuare a leggere.

Sono stata più volte a Barcellona: per svago, per andare a trovare un amico, per lavorare a una Tattoo Convention. Ogni volta ho scoperto un lato nuovo della città e ho indugiato in quartieri meno battuti per trovare l’anima di quella che -ad oggi- è la città spagnola che più mi ha colpita. I miei ricordi più belli di Barcellona sono legati a una serata al Razzmatazz, ai souvenir kitsch comprati da Fantastik e al relax a Montjuïc…ma ok, lascerò da parte i momenti nostalgici e vi racconterò qualcosa di nuovo su questa vibrante città, perché sono sicura che i miei suggerimenti vi daranno nuovi spunti e faranno ricredere quelli che pensano che Barcellona sia solo patatas bravas e furti sulla Rambla.

Ecco qui 5 cose originali da fare a Barcellona!

1. Vista panoramica dai bunker

Turò de la Rovira – Foto di Oriol Salvador su Flickr

Nel centro di Barcellona c’è un bunker costruito ai tempi della guerra civile come difesa dai bombardamenti aerei, il Turò de la Rovira. Oggi viene tutelato come luogo di interesse culturale ed è al centro di un restauro che si concluderà a febbraio 2015, ma la cosa che lo rende straordinario è la vista che regala dal suo Mirador: da questa collina qui si ha un panorama a 360° tutta la città. Si trova in via Marià Lavernia 59, nel quartiere El Carmel.

2. Mercato di Santa Caterina

Mercato di Santa Caterina - Foto di marcomazzei marmaz su Flickr

Mercato di Santa Caterina – Foto di marcomazzei marmaz su Flickr

Il Mercato di Santa Caterina, nella Ciutat Vella, è stato per me una gran bella scoperta. Mi ci sono imbattuta per caso ma sono rimasta subito colpita dalla sua architettura originale: ha una copertura decisamente stravagante, caratterizzata da un effetto “pixelato”. Ci sono tanti posti a sedere per godersi lo street food tra i banchetti di prodotti regionali e tante entrate che lo rendono un vero punto di ritrovo e di passaggio, una sorta di “piazza” per gli abitanti del quartiere, dove non è ancora arrivata l’orda di turisti che invade solitamente la Boqueria.

3. Il labirinto di Horta

Labirinto di Horta – Foto di Dani Paschkes su Flickr

Il Parc del Laberint d’Horta è uno dei più antichi giardini di Barcellona e si trova nel quartiere Horta-Guinardó, in Pg Castanyers 1. Contiene un vero e proprio labirinto di piante fatto di 750 metri di siepe di cipresso dove è facile perdersi tra frasche, sculture e laghetti popolati da piccoli pesci. L’ingresso è molto economico, specialmente di mercoledì. Una curiosità: qui è stato girata una scena del film ‘Il profumo’.

4. Il collettivo sociale “disobbediente” Can Masdeu

Can Masdeu – Foto di Karen Eliot BAMcorp su Flickr

Can Masdeu è un gruppo sociale nel Parco Naturale di Collserola, a nord-ovest di Barcellona, dove gli abitanti portano avanti una “disobbedienza creativa al mondo dei soldi, del fumo, del rumore e della velocità”. I suoi abitanti convivono in una cooperazione collettiva in questa zona periferica della città dove avviano progetti agroecologici e propongono laboratori sui temi della permacultura e dell’ecologia. Coltivano anche un orto comunitario biologico. La comunità può essere visitata la domenica.

5. Una prospettiva alternativa dalla Carretera de les Aigües

Carretera de les Aigües – Foto di Steve stvcr su Flickr

La Carretera de les Aigües è un percorso pianeggiante di più di 10 km che conduce fuori dal caos della città ma offre panorami incredibili di Barcellona. Si trova nel Parco Naturale di Collserola ed è raggiungibile con mezzi pubblici, in bus o metro poi con la funicolare di Vallvidrera. È perfetta per andare a correre, fare una pedalata tra i pini marittimi o una camminata in mezzo alla natura per staccare un po’ dalla vita metropolitana. Oltre alle frequenti fontane, è facile incontrare lepri, scoiattoli e piccole volpi.

Se stai cercando altri spunti, forse possono interessarti anche questi articoli sulle attività insolite a Barcellona:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
kenya masai
Kenya, nessun pericolo ebola

Ieri sera sono stata alla conferenza stampa dell'ente del turismo del Kenya. Questa organizzazione sta attualmente creando numerosi appuntamenti formativi in Italia per...

Chiudi