Search for content, post, videos

Weekend relax in Slovenia tra gusto e natura

Lago Bled con barca

Una meta che non conoscevo ancora, nonostante la vicinanza all’Italia: la Slovenia, che passo dopo passo è entrata nel mio cuore!
Sarà merito delle bellezze naturali, dell’ospitalità della sua gente, dei silenziosi borghi medioevali o delle sue preziosissime acque termali. A te la scelta, il mio consiglio è di ritagliarti anche solo pochi giorni e partire subito alla sua scoperta…sono certa che ti lascerà stupito.
Ecco, a mio parere, alcune tappe da non perdere.

Nova Gorica: la fattoria Kmetija Barkola

Vicinissima al confine italiano, si trova a circa 15 minuti di auto da Gorizia, Kmetija Barkola è una fattoria rustica a gestione familiare. Il simpatico proprietario Tadej, che rappresenta la quinta generazione, parla italiano e sa come farti sentire subito a casa. Ti accoglie servendo un pinot grigio di fronte al camino e raccontando la tradizione della sua attività. Tappa ideale per degustare i vini di loro produzione e pranzare con piatti semplici ma gustosi, come la zuppa di asparagi e gli gnocchi al ragù di carne. Il ristorante è attivo dal 2005 e propone esclusivamente prodotti stagionali della cucina locale, accompagnati da un delizioso pane cotto nel forno a legna. La degustazione è vista come un momento intimo di condivisione, dove è appositamente mantenuto un numero ridotto di partecipanti. È richiesta la prenotazione.

La cantina Pullus a Ptuj

La città di Ptuj è una delle più antiche e affascinanti della Slovenia, dove scorgerete da subito il castello medioevale Ptujski grad, arroccato sulla collina in posizione dominante.

ptuj

Ptuj

Dopo una passeggiata nelle viette della città, vi consiglio di far visita alla storica cantina slovena Pullus, dove viene conservato il vino da archivio più vecchio in Slovenia, ovvero il vino “Zlata trta” (La vite d’oro) del 1917. La cantina unisce sapientemente la tradizione alle tecniche più innovative per produrre ottimi vini, dove la passione e gli aromi delle varietà di uva si assaporano in ogni goccia. L’invecchiamento del vino in enormi botti di legno è tipico di questa regione e la cantina, a mio parere, merita una visita guidata con degustazione. Alla salute!

A Žalec, museo e fontana della birra in Slovenia

Amante della birra? Questa meta è il tuo paradiso! Sicuramente meno conosciuta della famosa Lasko e a soli 20 km di distanza, la cittadina di Žalec sono certa che ti piacerà. Ti consiglio una visita all’Ekomuzej, il museo del luppolo e della produzione della birra, che propone percorsi interessanti e veri e propri spaccati di storia.

Cesti di luppoli - museo della birra di Zalec

Cesti di luppoli – museo della birra di Zalec (foto di Silvia Mazzoleni)

Si raccontano i tempi in cui il luppolo veniva raccolto manualmente e la paga corrispondeva al numero di cesti riempiti. E cosa dire della prima fontana in Europa che sgorga birra e non acqua? Alla fontana dell’oro verde situata nel centro città, pagando un ticket di 6 euro si riceve un boccale dotato di microchip, che consente di spillare fino a 5 birre di ottimi birrifici artigianali. Cheers!

fontana della birra di Zalec

La fontana della birra? Esiste e si trova in Slovenia, a Zalec (foto di Silvia Mazzoleni)

Bled: giro del lago, castello e glamping in Slovenia

Se haivoglia di rifarti gli occhi con panorami mozzafiato e goderti del sano relax, non puoi perderti la bellissima Bled. Il migliore centro alpino di villeggiatura della Slovenia, è considerata una delle più belle località turistiche europee.

vista di Bled

(foto di Silvia Mazzoleni)

Incastonata in un angolo di natura, ti accoglie con i riflessi e i colori del lago, che puoi attraversare a bordo della barca tradizionale (chiamata pletna) raggiungendo l’isolotto centrale che ospita una chiesetta. Se vuoi fare una passeggiata, sali al castello e ammira la vista dall’alto: un’atmosfera magica!

Castello di Bled

(foto di Silvia Mazzoleni)

All’ora di merenda chiedi di assaggiare le sfogliatelle alla crema, il dolce tipico di Bled che è una vera prelibatezza gastronomica. A Bled è inoltre possibile rigenerarsi e divertirsi scegliendo tra le moltissime attività proposte: dal parco avventura allo slittino estivo, oppure concedendosi un romantico giro in carrozza, o una visita alla suggestiva Gola del Vintgar e al Parco Nazionale del Triglav.
E, da vera amante della natura, ti posso dire che sono rimasta letteralmente affascinata dal Glamping. A due passi dal lago, è una nuova concezione di campeggio, dove potrete soggiornare in strutture eco-friendly dotate di tutti i comfort. In perfetto equilibrio con il paesaggio circostante, le capanne di legno a due posti e le casette per famiglie, sono un vero incanto. Senza dimenticare i graditi extra, come la sauna e le vasche tinozze a forma di botte… da provare! Il campeggio accoglie a braccia aperte anche ciclisti e animali domestici.

fontana della birra di Zalec

La fontana della birra di Zalec (foto di Silvia Mazzoleni)

Piran e Portorož, coccole termali

La Slovenia è conosciuta anche per le sue preziosissime fonti di acqua termale, ricche di benefici per risanare corpo e mente. Tra le tante città termali, Portorož (Portorose) vanta un clima mite tutto l’anno e i principi attivi curativi delle vicine e settecentenarie saline di Sicciole. L’offerta ricettiva soddisfa al meglio ogni tipo di esigenza e, se cercate un hotel ricco di charme e dal gusto classico, vi consiglio l’hotel Bernardin, dotato di camere tutte vista mare e della meravigliosa Paradise Spa.

Paradise Spa - Hotel Bernardin a Portoroz

Paradise Spa – Hotel Bernardin a Portoroz (foto di Silvia Mazzoleni)

A Piran (Pirano), qualcosa ti farà ricordare una nota città italiana: Venezia. Pittoresca e ricca di storia, passeggia negli stretti vicoli racchiusi dalle mura della città, abbracciata dal Mare Adriatico, raggiungi il molo e lasciati cullare dal suono delle onde. Piran vi farà sognare!
Tra Portorož e Piran si trovano anche due gioielli architettonici, i vecchi magazzini del sale di Magazen Grando e Monfort, costruiti in onore di Napoleone nella prima metà del XIX secolo. Oggi il magazzino Monfort è sede espositiva di numerose mostre di arte contemporanea.

Cosa vedere a Stanjel: il borgo medioevale e i Giardini Ferrari

A circa 20 km dalla città di Trieste, si trova Stanjel (San Daniele del Carso), uno degli insediamenti più antichi della regione carsica. Visita il centro storico, racchiuso tra le mura del XV secolo, risalendo la collina fino al pittoresco castello. Ti ritroverai in un’atmosfera d’altri tempi! Camminando lungo i vicoli silenziosi del piccolissimo borgo, puoi scorgere delle abitazioni tipiche in pietra e avvicinarti a storiche tradizioni, come il ricamo del pizzo. Prosegui poi per visitare i Giardini Ferrari, un incantevole parco molto richiesto per celebrare i matrimoni, opera dell’architetto italiano Max Fabiani.
Un suggerimento per il pranzo? I deliziosi piatti serviti dallo chef dell’hotel St.Daniel, in un ambiente curato in perfetto stile shabby chic, mixato ad elementi moderni. Atmosfera familiare e accogliente, dove mi ha molto colpita la loro preparazione riguardo alle intolleranze alimentari. Ottimo anche per vegetariani e vegani. E se ne hai il tempo, fermati a dormire nelle loro bellissime camere, rilassandovi nella graziosa spa con sauna e bagno turco.

ristorante dell'hotel St.Daniel a Stanjel

Il ristorante dell’hotel St.Daniel a Stanjel (foto di Silvia Mazzoleni)

La Slovenia è questo e molto di più… non ti resta che scoprirla!

 

Silvia Mazzoleni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Leggi articolo precedente:
Skyline grattacieli di Melbourne al tramonto
Cosa vedere a Melbourne in due giorni

Melbourne è una città dal fascino cosmopolita. All’apparenza europea, è in realtà una città “di frontiera”: ricordatevi sempre che siamo...

Chiudi