Search for content, post, videos

Santorini: in vacanza in una delle isole più belle del mondo

L’ho pensato dal primo istante, già da quando il mio aereo si abbassava per atterrare sull’isola: non c’è posto al mondo uguale a Santorini, niente di simile in nessuna isola del Mediterraneo, e ne sono quasi certa, nessuna in tutto il nostro meraviglioso globo terrestre.
Nonostante sia un’isola ultimamente un po’ inflazionata, quest’anno a parer mio ancor di più, presa d’assalto da turisti provenienti di ogni parte del mondo e con diverse possibilità economiche (Santorini sa essere very cool ma anche very cheap), riesce a conservare quel fascino e quella bellezza unica che ti ruba occhi e cuore.

La sua bellezza e la sua particolarità è tutta attorno alla caldera di quel vulcano ormai assopito (pare) che si riallaccia al mito di Atlantide, e che circonda questo lembo di terra in mezzo ad un mare intensamente blu, che gli attribuisce un fascino ancora maggiore.
Avere la possibilità di soggiornare o anche solo cenare a picco sulla caldera, magari in quegli hotel con piscine a sfioro che quasi si confondono col mare e che così spesso vediamo sulle foto delle influencer più in voga, significa godere di un panorama mozzafiato. Ma Santorini è talmente calda e accogliente, oltre che bella, che dà la possibilità a tutti di immergersi nella sua atmosfera e poter ammirare tale bellezza.

Santorini, un tramonto da togliere il fiato

Santorini: tramonto sul mare

Tramonto a Santorini (foto di Patrizia Ciuferri)

Sia che la si giri in macchina, in quad o in motorino, ogni lembo di terra che si affaccia sull’antico cratere restituisce emozioni uniche, albe e tramonti indimenticabili.
Il tramonto più famoso è senza dubbio quello di Oia, dove orde di turisti si assiepano lungo le viuzze o addirittura sui tetti delle case per non perdersi neanche un istante di quello spettacolo naturale e poi unirsi tutti insieme in un applauso scrosciante.
Io ovviamente sono stata tra questi, non me ne vergogno, con le mie amiche siamo riuscite a scavalcare un muretto e abbiamo preso posizione su un tetto (in assoluta sicurezza, lì le case costruite “a terrazzamento” sono a livello della strada adiacente) munite di birretta e patatine…diciamocelo un aperitivo di fronte al tramonto più bello del mondo ci sta tutto!
Personalmente consiglio di ammirare almeno una sera il calar del sole dal faro di Akrotiri, sicuramente più selvaggio e meno famoso ma davvero unico.

Santorini, il mare e le spiagge

Santorini: la spiaggia rossa è una delle più belle e famose di tutta l'isola

Spiaggia rossa di Santorini (foto di Patrizia Ciuferri)

Se vi recate a Santorini alla ricerca di spiagge bianche e mare cristallino rimarrete delusi. Essendo un’isola vulcanica la sabbia è scurissima e non troppo fine, spesso anche a ciottoli, e il mare è sempre di un blu molto intenso, anche a riva, considerato che in nessun punto troverete la bassa marea ma subito l’acqua che vi arriva almeno alla vita; tenetelo bene a mente soprattutto se andate sull’isola greca con i bambini o con persone che non sanno nuotare.
Vi sono comunque molte spiagge attrezzate con lettini ed ombrelloni spaziosissimi a prezzi davvero imbattibili. Le mie amiche ed io abbiamo particolarmente apprezzato la spiaggia di Perissa e quella di Kamari dove due lettini con ombrellone costavano 5 euro e gli stabilimenti, spesso veri e propri ristoranti gourmet, offrivano un eccellente servizio in spiaggia con pranzetti davvero succulenti.
Da non perdere è la Red beach, molto particolare con le sue rocce color mattone anche se un po’ più difficile da raggiungere rispetto alle altre molto accessibili. Dalla Red beach tramite un piccolo battello che parte ogni 45 minuti circa, si può raggiungere la White beach, una piccola isola con le rocce bianchissime che fanno si che questo sia uno dei pochi punti dove l’acqua è davvero cristallina. Va detto però che sulla White beach non c’è nulla, né un chiosco per dissetarsi né un albero per mettersi all’ombra, quindi anche in questo caso vi consiglio di andare essendone consapevoli, visto che poi dovrete aspettare la barca che torna per riportavi sulla terra ferma.

Cosa fare e vedere a Santorini

Santorini e i suoi bellissimi paesaggi

Santorini: vista della caldera dal vulcano (foto di Patrizia Ciuferri)

Fira è il centro più grande dell’isola e per questo forse quello più affollato. E’ pieno di negozi, alcuni di dubbio gusto, e di ristoranti turistici (ma se cercate bene anche qui potete trovare ottime taverne tipiche), ma è anche un borgo che conserva la propria identità e che per questo merita di essere visto. La sera è un luogo ricco di locali e divertimenti, non credo al pari di Mykonos e simili, ma quanto basta per vivere una serata piacevole.
Oia rappresenta l’immagine che tutti hanno di Santorini, tra case bianchissime, cupole blu, botteghe di pregiati gioielli e boutique di lusso, mentre Imerovigli è un susseguirsi di resort a picco sul mare degni delle migliori riviste di design.  

Oia a Santorini

Il paesino bianco di Oia a Santorini (foto di Patrizia Ciuferri)

Pyrgos, nell’interno, lontana dai flussi turistici, conserva un’atmosfera autentica, vicoli stretti che salgono fino alla chiesa e le rovine di un castello d’altri tempi da cui si ammira un bellissimo panorama.

Come la maggior parte dei turisti, anche noi abbiamo fatto l’escursione a bordo di un galeone che ci ha condotto al centro del vulcano, alle isolette in mezzo della caldera e a Thirasia. Sarà stata la giornata particolarmente calda, o la troppa gente fatta salire sull’imbarcazione (io sono andata a metà agosto) ma non mi sento di consigliare questo tour organizzato come qualcosa di imperdibile; l’unica cosa carina della giornata è stata la risalita dal porto a Firostefani in sella ad un mulo, un’esperienza da brividi ma divertente!

Il cibo delizioso ed economico di Santorini

Noi siamo letteralmente impazzite per la cucina locale, a partire dagli antipasti con l’immancabile tzatziki, gli involtini di riso e vite, la salsa di yogurt e menta, la moussaka, il souvlaki di maiale marinato, il gyros con la pita e infine il baklava, dolce di pasta fillo e miele. Il tutto accompagnato da ouzo, un distillato secco tipico della Grecia.
I prezzi sono assolutamente contenuti, non è raro concedersi una cena di quattro portate e spendere solo 15 euro.

Insomma il mio viaggio Santorini, nonostante sia trascorso qualche tempo, lo porto davvero nel cuore, ne conservo i sapori, i profumi, i tramonti, la brezza marina…spero, con questo post, di avervi dato idee e suggerimenti utili e interessanti e di avervi trasmesso un po’ dei ricordi e della bellezza che conservo ancora di questo posto unico al mondo.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Leggi articolo precedente:
klunkerkranich a Berlino
Weekend a Berlino: idee per una vacanza “cool”

Dove vanno due amici in cerca di energia, bellezza, coolness e vita notturna? Ci abbiamo messo circa due minuti a...

Chiudi