Search for content, post, videos

Come affrontare viaggi lunghi in aereo: 11 consigli

Ragazza in partenza all'aeroporto che guarda il tabellone delle partenze

Avete presente quando siete in procinto di affrontare un lungo viaggio in aereo che vi porterà lontano, magari in un posto nel quale sognate da tantissimo di andare, una vacanza a lungo desiderata, un sogno che diventa realtà? L’eccitazione della partenza, le grandi aspettative…ecco, di solito queste sono le emozioni dominanti, ma un pensiero va sempre anche alle tante, tantissime ore di viaggio che vi aspettano. Se poi dall’altra parte del mondo non ci state neanche andando per una vacanza di piacere, ma magari per lavoro o altro, quello delle lunghe ore da trascorrere in aereo può diventare una vera preoccupazione. Ecco perché oggi voglio darvi qualche consiglio su come affrontare al meglio i lunghi viaggi in aereo. Perché spesso piccole accortezze possono davvero fare la differenza su un volo intercontinentale.

Consigli per affrontare viaggi lunghi in aereo: cosa fare prima di partire

Alcune accortezze, direi molto importanti, per affrontare al meglio i viaggi intercontinentali, possono essere prese già prima della partenza. Ve le elenco di seguito:

Scegliere il posto giusto

La prima cosa che potete fare per affrontare al meglio un viaggio intercontinentale è sicuramente quella di scegliere il posto più comodo, o almeno un buon posto, prima della partenza, dunque al momento del checkin. Alcune compagnie aeree permettono di scegliere il posto al momento della prenotazione, mentre altre al momento della fatturazione online. Ma quali sono i posti da considerare migliori e quelli assolutamente da evitare? Esistono a tal proposito siti appositi che vi consiglio di consultare, come Seat Guru o Best Plane Seat.
In parte la scelta dipende dalle vostre esigenze: ad esempio i posti vicino alle uscite di sicurezza sono spesso molto rumorosi e dunque da evitare se avete bisogno di silenzio per riuscire a dormire, ma allo stesso tempo hanno più spazio per le gambe. Io ad esempio li sceglievo quando mio figlio era piccolo e avevo bisogno di un po’ di spazio per farlo muovere o giocare.

Sicuramente da evitare, invece, è l’ultima fila, perché i sedili lì non sono reclinabili, così come i posti vicini ai bagni perché significano rumore e passaggio continuo di persone, oltre che possibilità di cattivi odori se il volo è particolarmente lungo. Altri posti che per me sono assolutamente un incubo sono quelli con il bracciolo fisso, perché rendono pressoché impossibile allungarsi o trovare una posizione comoda per dormire.

Interno di un aereo. Vista da dietro sui sedili.

Scegliere i posti migliori per affrontare viaggi lunghi in aereo

Portare con sé un kit per dormire

Se si vola in Economy, per un viaggio intercontinentale il mio consiglio è quello di portare sempre in aereo con sé mascherina, tappi per le orecchie e cuscino gonfiabile. Alcune compagnie li forniscono anche in Economy, ma meglio non rischiare! Io aggiungo sempre anche un secondo paio di calzini da indossare quando ci si tolgano le scarpe, per mantenere puliti i propri.

Scegliere pasti leggeri

Una cosa che molte persone ignorano è che è possibile scegliere il menù al momento del checkin. Per un viaggio intercontinentale, sarebbe bene sceglierne uno leggero, per evitare fastidiosi problemi di digestione e appesantimento. Inoltre, potreste comunque portare con voi qualche caramella allo zenzero o pasticca di Brioschi o Citrosodina per facilitare la digestione.

Indossare gli abiti giusti

Indossare abiti comodi e vestirsi a strati è per me fondamentale per affrontare lunghi viaggi seduti. No quindi ad abiti stretti, ad allacciature fastidiose e che stringono sulla pancia, a pantaloni che non permettono di muovere liberamente le gambe. Non soltanto per un fatto di scomodità, ma anche per una questione di circolazione. Sicuramente consigliato è inoltre vestirsi a strati. Di solito in aereo è piuttosto fresco e l’aria condizionata può creare fastidio e secchezza alla gola. Quindi portare sempre un foulard per coprirsi! Nel momento del decollo e dell’atterraggio, invece, quando le persone sono “ammassate” lungo i corridoi, si può provare spesso una sensazione di calore o mancanza d’aria, quindi è bene essere vestiti a strati in modo da avere la possibilità di alleggerirsi e “prendere aria” se necessario.

Indossare le calze consigliate dalle hostess

Oltre ad indossare abiti comodi, è consigliabile, prima di voli particolarmente lunghi, procurarsi un paio di collant a compressione graduata (almeno 60den), proprio come quelle che indossano le hostess. Queste servono infatti per contrastare la ritenzione idrica e la fastidiosa sensazione di pesantezza alle gambe all’arrivo.

Portare con sé l’olio essenziale di lavanda

Se siete tra quelle persone che fanno molta fatica a riuscire a rilassarsi in volo, potete utilizzare dei piccoli rimedi naturali per ridurre il problema. Ad esempio, potreste portare con voi una boccetta di olio essenziale di lavanda e, una volta in volo, potete spalmarne qualche goccia sulle tempie e sotto il naso. Questo vi aiuterà anche a contrastare pesantezza alla testa e…allontanare eventuali cattivi odori in cabina!

Consigli per affrontare viaggi lunghi in aereo: cosa fare durante il volo

Idratarsi con creme e tè verde

Una delle cose più importanti da fare durante i viaggi intercontinentali è quella di idratarsi spesso, cercando di bere molto. Io, inoltre, porto sempre con me una piccola confezione di crema idratante, che mi spalmo più volte durante il volo, in quanto l’aria presente in cabina rende molto secca la pelle di viso e mani. L’idratazione è dunque fondamentale per contrastare il jet lag.
Per favorire l’idratazione e la circolazione che viene messa in difficoltà dalle lunghe ore di volo, potete anche bere tè verde durante il viaggio. Basta che vi portiate in borsa qualche bustina e che chiediate poi solo acqua calda a bordo, se non lo servono in cabina.

Da evitare evitare invece bibite contenenti caffeina (come caffè e coca cola) e alcolici, perché disidratano e dunque favoriscono il jet lag.

Piante, foglie e sostanze naturali per la cura del corpo

Acqua, creme idratanti e altri rimedi naturali per idratarsi durante un lungo volo aereo

Fare movimento

Cercate di tenervi in movimento e fare esercizi almeno ogni 2 ore. Potete andare nella coda dell’aereo per fare stretching, o camminando nei corridoi. Se preferite restare seduti potete fare dei piccoli esercizi per tenere in movimento le gambe e favorire la circolazione, come ruotare le caviglie, piegare ed allungare le ginocchia e così via.

Impostare subito il fuso giusto

Appena partite, impostate nell’orologio l’ora locale della destinazione, e cercare di dormire in base alle ore in cui là sarebbe notte, per abituare il corpo al nuovo fuso orario.

Rilassarsi con le cuffie

Se fate fatica ad addormentarvi, cercate tra i programmi di intrattenimento sullo schermo qualcosa di rilassante, piuttosto che un film d’azione. Ad esempio una sessione di musica classica o un programma di meditazione (alcune compagnie aeree lo inseriscono tra i programmi).

Io generalmente approfitto di queste ora di “noia” per non fare nulla. Quindi, last but not least, il mio ultimo (e personalissimo) consiglio è:

Staccare la spina

Staccate tutto, chiudete gli occhi, pensate o liberate la mente. Non c’è per me miglior relax di questo. Un lusso che la frenesia quotidiana ci concede raramente.

 

Ora siete ufficialmente pronti ad affrontare qualsiasi volo lungo, intercontinentale e di medio o lungo raggio! Mettete in pratica questi semplici consigli e vedrete che arriverete a destinazione decisamente più in forma del solito 😉

2 comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
ragazza tiene un cucciolo di canguro tra le braccia in Australia
Viaggio di gruppo in Australia: Sydney, Uluru e la Grande Barriera Corallina

rain"L'Australia è sempre stata il mio sogno". Quante volte avete ripetuto questa frase? E quante volte lo avete realizzato, questo...

Chiudi