Search for content, post, videos

The Harvest, un film sulla vita dei Sikh in Italia

Sikh in acqua

Una storia fatta di volti, di racconti, di colori sgargianti, quelli dei loro abiti che si vanno a contrapporre con il nero della loro vita. Una situazione, quella della comunità Sikh dell’Agro Pontino che viene immortalata e raccontata nel docufilm “The Harvest” nelle sale in questo periodo. Realizzato e prodotto dalla casa di produzione bolognese SMK Videofactory e diretto da Andrea Paco Mariani, il film porta alla luce le condizioni in cui vivono queste persone, gli uomini sfruttati sul luogo di lavoro, i campi dove tutti svolgono il mestiere di braccianti agricoli.

Passiamo con loro una giornata lavorativa, quanto basta per capire il grado di sofferenza e violenza a cui sono sottoposti tutto il giorno e viviamo insieme a loro anche le bellezze della loro cultura, dalla preghiera alla musica, altra grande protagonista della storia.
Si perché il documentario si può definire un docu-musical, una scelta innovativa quella del regista, introdurre la nota musicale e i loro balli, tradizioni a cui i Sikh sono molto legati. Un modo per stare insieme, per togliersi da dosso queste brutte giornate, nella speranza che qualcosa possa cambiare.
Il documentario narra le testimonianze e le tre storie che si intrecciano, quella di Hardeep Kaur, giovane trentenne italiana ma figlia di genitori indiani, quella di Gurwinder Singh, che dall’India è arrivato in Italia per lavorare nelle aziende agricole ed infine Marco Omizzolo, il giornalista che dà voce a questo popolo e alle loro vicende danno voce al film, dove il cast interpreta se stesso.
Un documentario che fa riflettere sulle terribili condizioni di lavoro di queste persone, dal salario davvero basso fino all’uso di sostanze dopanti necessarie per sostenere i ritmi di lavoro troppo pesanti. C’è però anche la nota di speranza, data dalla loro forza, anche di portare avanti la loro cultura, le loro danze e la loro musica, una spinta emotiva per di cercare di migliorare la loro situazione.
C’è inchiesta giornalistica ma c’è anche arte e commozione, perché alla fine siamo persone. E oltre al dolore c’è il rispetto e la bellezza delle altre culture.
The Harvest è al cinema. Per maggiori informazioni, in quali sale e dove poterlo vedere consultate il sito web www.theharvest.it.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Cosa vedere a Marrakech

Il mio arrivo a Marrakech è stata un'esplosione di sensi: colori, odori, persone.. un turbinio di emozioni difficile da raccontare....

Chiudi