Search for content, post, videos

Viaggio in Islanda? Evitate la famosa Blue Lagoon

Avete inserito l’Islanda tra i paesi da visitare? Sognate già di tuffarvi nelle acqua bollenti della famosissima Blue Lagoon? Allora non leggete questo post. Sul serio, non fatelo, sto per rovinare tutti i vostri sogni! Odiatemi pure ma sto per dirvi che no, Blue Lagoon non merita una visita e tantomeno i vostri soldi (e ne richiede molti). Sento le vostre coltellate sulla schiena ma vedrete che alla fine di questo post mi vorrete molto più bene.

Le terme in Islanda

Una premessa è d’obbligo. Non vi dico di evitare Blue Lagoon per anticonformismo ma semplicemente perché in Islanda c’è di meglio e per di più, gratis. Chiaramente è una questione di gusti ma a meno che non siate amanti del lusso (e in questo caso l’Islanda non è la destinazione giusta per voi) avrete la netta sensazione di essere in un luogo creato ad uso e consumo dei turisti, completamente estraneo dalla natura circostante. Una specie di Disneyland del tutto avulsa dal contesto. Al mio secondo viaggio sull’isola ho ceduto anch’io al lato oscuro della forza e mi sono lasciata convincere da un’amica ad andare nelle più famose, pubblicizzate e costose terme islandesi. Non dico che sia stata una brutta esperienza ma sinceramente non mi ha convinta, lasciandomi la sensazione che avrei potuto fare altro.

Terme naturali in Islanda

Terme naturali e gratuite nell’Ovest [foto di Misa Urbano]

Blue Lagoon: come arrivare, prezzi e altre informazioni pratiche

La struttura termale di Blue Lagoon si trova a circa 50 km da Reykjavik ed è raggiungibile comodamente dalle capitale con la propria auto o con gli autobus delle agenzie che organizzano il tour. Potete acquistare il biglietto d’ingresso e contemporaneamente quello del bus (Gray Line Iceland e Bustravel Iceland) sia on line attraverso www.bluelagoon.com o tramite una delle tante agenzie turistiche presenti sul corso principale di Reykjavik. Al momento dell’acquisto del biglietto dovrete indicare un orario di ingresso alle terme e vi verrà immediatamente comunicato l’orario di partenza e di ritorno del vostro autobus. È tutto perfettamente organizzato. Dopo circa un’ora di viaggio entrerete nello stabilimento termale e vi verrà richiesto il tipo di trattamento desiderato: maschere per il viso, massaggi, quanti drink desiderate. Si parte dai 6990 ISK (circa 55 euro) per il pacchetto base fino a 53.000 ISK (circa 450 euro) per il pacchetto luxury. Con il vostro braccialetto al polso finalmente entrerete nei lussuosi spogliatoi e da lì direttamente nelle piscine termali. Prima nota dolente: spogliatoi eccellenti, molte docce… un solo bagno! Armatevi di pazienza, datemi retta. Nota positiva: la struttura mette gratuitamente a disposizione dei clienti sapone e trattamento per capelli, da utilizzare prima e dopo il bagno nella laguna. L’acqua infatti li rende estremamente secchi (qui trovate i miei consigli per un viaggio in Islanda).

Il lago Viti in Islanda

Immergersi nel cratere del lago Viti [foto di Misa Urbano]

Blue Lagoon? Per me è no

Avete presente tutte quelle foto di Blue Lagoon che si trovano su Instagram? Sono lì perché l’attività principale di chi si immerge nella laguna sembra proprio essere quello di poter mostrare agli altri di esserci stati. Ho visto persone passare tutto il loro tempo in acqua a cercare le pose migliori per scattare una foto acchiappa like. Dovrebbe essere un posto dove rilassarsi e prendersi cura di se stessi mentre, al contrario, è pieno di turisti di ogni età con la voglia di bere alcool a dismisura e fare baldoria. Oltretutto Blue Lagoon si trova in una zona estremamente desolata della penisola di Reykjanes e non offre alcun panorama: le vasche sono interrate e di fronte hanno soltanto cumuli di roccia nera. Sapete poi che la laguna è completamente artificiale e che il colore dell’acqua dipende dalla centrale geotermica situata lì vicino? Non è più così affascinante come l’immaginavate, vero?

Terme di Myvatn

L’alternativa a Blue Lagoon: Myvatn [Foto di Misa Urbano]

Terme in Islanda, le alternative a Blue Lagoon

Il fatto che Blue Lagoon non sia il luogo paradisiaco che molti sognano non deve scoraggiarvi. Ora arrivano le buone notizie: l’Islanda è letteralmente piena di hot pool naturali dove immergersi e rilassarsi completamente senza spendere un soldo. L’acqua bollente sgorga dal sottosuolo e viene raccolta in piscine di roccia naturale o raggiunge piccoli fiumi, dove mescolandosi con l’acqua fredda raggiunge la temperatura ideale per un lungo bagno. Molte di queste hot pool si trovano lungo la Hringvegur o poco distante; altre invece sono più nascoste, un tesoro custodito gelosamente dagli abitanti del posto. Vi segnalo un ottimo sito per scovare tutte le migliori piscine. Le mie preferite?

  • 1. Hot pool nei fiordi occidentali, strada 62, a pochi km dal porto di Flòkalundur verso ovest
  • 2. Hot pool con cascata naturale negli altopiani centrali, a Laugarfell
Cascate e terme naturali in Islanda

Cascate e terme naturali negli altopiani centrali a Laugarfell [Foto di Misa Urbano]

  • 3. Fiume bollente a Landmannalaugar, regione montuosa a sud dell’Islanda
Fiume caldo di Landmannalaugar

Un tuffo nel fiume caldo di Landmannalaugar [Foto di Misa Urbano]

Voglia di comodità? Provate le terme di Myvatn

Le terme di Myvatn, a nord dell’isola, sono un’ottima alternativa a Blue Lagoon. Come in quel caso l’acqua arriva dalla vicina National Power Company e dunque la sorgente termale è artificiale ma almeno ha il vantaggio di essere molto meno frequentata, decisamente meno cara e di offrire una bella vista panoramica.

Terme di Myvatn

Un bagno rilassante nelle terme di Myvatn [Foto di Misa Urbano]

Infine, non dimenticate che l’acqua in Islanda contiene un po’ di zolfo, per cui evitate di farvi la doccia o immergervi alle terme con gioielli in argento od ottone perché si rovinerebbero, proteggete i vostri capelli con prodotti nutrienti e finalmente godetevi il relax!

13 comments

  • Voglio programmarmi un viaggio in Islanda. Ecco cosa non vedere🤗 Ti ringrazio per il consiglio non mi piacciono i luoghi naturali che vengono snaturati per turismo. Per quanto adoro le terme cerco sempre qualcosa che sia in armonia con il territorio.

    • Misa Urbano
      Misa Urbano

      Ciao Rosy,
      grazie a te per essere passata di qui! In Islanda puoi immergerti in terme naturali praticamente ovunque quindi non avrai che l’imbarazzo della scelta e se hai bisogno di dritte per il viaggio chiedi pure 🙂

  • Nooooo mi hai distrutto un mondo! Desidero andare nella Blue Lagoon da quando l’ho vista in un video di Clio Makeup!
    Comunque sì, immaginavo in realtà fosse molto turistico, però vabeh. Diciamo che forse una volta lo farei, giusto per togliermi lo sfizio. Grazie però per aver messo le alternative!

    • Misa Urbano
      Misa Urbano

      Ahahahah dai non me ne volere! Se decidi di andarci poi raccontami la tua impressione ok?

  • A dicembre sono stata al Jardin Majorelle di Marrakech ed è stao un vero Instagram-incubo: non c’era un singolo centimetro libero per ammirare il giardino, tutti erano intenti a scattarsi foto “in posa” e spesso trattando pure male il povero fidanzato o amico dall’altra parte dell’obiettivo. Meglio di un esperimento sociale. Ho deciso di evitare i luoghi “instagrammabili” tipo questo per non perdere la salute mentale 😀

    • Misa Urbano
      Misa Urbano

      Esattamente la stessa sensazione che ho avuto io! E sai perchè non ci sono foto di Blue Lagoon nel post? Perchè me ne sono infischiata e ho lasciato volontariamente cellulare, macchina fotografica e GoPro nell’armadietto! 🙂

  • Ho sempre evitato di leggere di Islanda visto che non so se avrò mai modo di andarci (e le cose si sono complicate da quando abito praticamente agli antipodi), quindi questo post mi sembrava quello giusto per iniziare!! Mi ricorderò del suggerimento su dove NON andare (prima o poi…), nel frattempo complimenti per l’articolo però mannaggia a te, adesso ci voglio andare un sacco e mi struggo! Uff! 😀

    • Misa Urbano
      Misa Urbano

      Ciao Lucy,
      allora grazie due volte per aver letto il mio post! Da dove scrivi? Ora sono io ad essere super curiosa 🙂 Comunque mai dire mai giusto? L’Islanda merita anche un lunghissimo volo aereo!

  • Amiamo l’Islanda per quella sensazione di solitudine (in senso positivo) che si prova anche solo guidando in mezzo al niente , sei tu, la natura che ti circonda e nient’altro. Il bello di questo viaggio è questo, quindi anche noi avremmo scelto gli hot pool piuttosto che queste terme affollate… e poi sia Landmannalaugar che Myvatn sono incredibilmente belle da visitare.

    • Misa Urbano
      Misa Urbano

      Condivido in pieno! Grazie per essere passati a leggere il mio post 🙂

  • grazie per la dritta, ho appuntato tutto, io che ero a un passo dall’Islanda ma non sono riuscita ad andarci. Ti seguirò più spesso perché condivido in pieno la tua filosofia di viaggio, autentica, pragmatica, schietta, sportiva.

    • Misa Urbano
      Misa Urbano

      Grazie Raffa!
      Io seguo le tue ricette ma in cucina sono semplicemente un disastro, ho bisogno di ripetizioni! 🙂

  • Che sogno l’Islanda! L’ho inserita nella mia lista mentale dei prossimi viaggi da fare, e non vedo l’ora di andarci. Ho scoperto che mi piacciono un sacco le isole vulcaniche, ma per ora mi sono cotta solo sotto il caldo a Lanzarote. Però l’Islanda, anche se fredda, mi sembra magica. E poi le aurore boreali.. devono essere uno spettacolo.
    Siccome anche a me piace lessarmi nell’acqua calda delle terme, sicuramente terrò in considerazione i tuoi consigli preziosi! Sono d’accordissimo sul fatto che a volte i luoghi più turistici e reclamizzati si trasformano in delle delusioni… meglio cercare mete più autentiche.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Leggi articolo precedente:
Dalle parole ai pasti: il progetto Rise Against Hunger

Ancora oggi 815 milioni di persone nel mondo soffrono la fame. Questo è assurdo se pensiamo a quanto spesso si parla...

Chiudi