Search for content, post, videos

11 cose da vedere a Sydney

Sydney è una città meravigliosa: moderna, ben organizzata, sicura, multietnica e ricca di attrazioni per tutti i gusti. Sicuramente una tappa imperdibile durante qualsiasi tour dell’Australia.
Muoversi all’interno della città è molto agevole, si può contare sia su una rete di mezzi pubblici ben ramificata che sui numerosi taxi. Se si visita Sydney durante la bella stagione è poi molto piacevole camminare o noleggiare una bicicletta. Durante l’estate (dicembre-febbraio) la temperatura non è particolarmente alta ma il clima può essere umido e piovoso – consiglio di portarsi sempre un ombrello e una felpa per proteggersi dall’aria condizionata (che negli interni è davvero forte). D’inverno basta una giacca non troppo pesante (l’inverno è molto mite rispetto a quello di Melbourne, e le temperature si aggirano intorno ai 15-20°) e una sciarpina per ripararsi dalla fresca brezza marina.

Cosa vedere a Sydney

Se si hanno a disposizione pochi giorni per visitarla (consiglio però non meno di 3 / 4 giorni) ci sono alcuni must che non si possono davvero perdere:

Sydney Tower

Con i suoi 309 m di altezza, la Sydney Tower è l’edificio più alto della città. Dato che offre una vista spettacolare su tutta la baia e la zona centrale, consiglierei questa come prima tappa. Salendo in ascensore all’observation deck si possono identificare tutti (o quasi) i luoghi che si visiteranno e osservare la struttura della città.
Per lo stesso motivo può essere considerata anche un’ottima conclusione del viaggio, in questo caso si riconosceranno ancora più in fretta edifici, parchi e monumenti.
(biglietti: 28$/17€ adulti; 19$/12€ bambini)

vista dalla sydney tower

Vista dalla Sydney Tower (foto di Eleonora Fraschini)

Opera House

Simbolo della città e dell’intera Australia, il Teatro dell’Opera di Sydney è stato edificato nel 1973 su progetto dell’architetto danese Jørn Utzon. Si affaccia su Circular Quay, il porto principale della baia di Sydney. È facilmente raggiungibile sia utilizzando i mezzi che in auto, essendo dotato di un grande parcheggio accessibile da Macquarie Street.

Processed with VSCO with a2 preset

È davvero emozionante ammirare il contrasto tra le vele bianche che compongono l’architettura esterna e l’azzurro del mare e del cielo.
Consiglio anche una visita guidata all’interno, che permette di assistere alle prove di uno degli spettacoli in programma (necessaria la prenotazione online. Biglietti: 37$/23€ adulti; 20$/13€ bambini).

Sydney Opera House

Harbour Bridge

Questo imponente ponte ad arco collega il Central Business District (quartiere degli affari) con il North Shore. È possibile attraversarlo in metropolitana, in auto, in bicicletta e (come ho scelto io) a piedi.
Passeggiare sul ponte è secondo me il modo migliore per godersi la vista della baia dall’alto, molto suggestiva sia di giorno che di notte. I più atletici spesso decidono di scalarlo: ci sono numerose agenzie che organizzano questa attività fornendo l’attrezzatura necessaria.

sydney-harbour-bridge

Tour della baia in traghetto

A Circular Quay fanno capo numerose linee di traghetti che consentono di raggiungere la maggior parte dei porti, delle isole e delle spiagge della città – prima tra tutte quella di Manly, dall’atmosfera rilassata e tranquilla, amata da hippie e da surfer.

manly beach

Tutte le volte che ne avevo l’occasione preferivo sempre il battello agli altri mezzi, forse è un po’ più lento ma permette di stare all’aria aperta e godersi il panorama della baia.

Sydney CBD

Darling harbour

Questa stretta insenatura è facilmente raggiungibile sia a piedi che in traghetto. Qui si trovano i migliori ristoranti di pesce della città e numerosi bar e locali notturni. Merita una visita anche per la presenza dell’Hard Rock Cafè con relativo negozio. Ci sono inoltre numerosi musei e attrazioni: Australian National Maritime Museum, il Wild Life Sydney Zoo con la fauna nativa australiana, Madame Tussauds Sydney e l’acquario Sea Life Sydney.

The Rocks

È il quartiere più antico di Sydney, passeggiando in queste vie l’atmosfera è più simile a quella del Vecchio Continente.

Sydney Rocks notte

Qui infatti sono approdati i primi europei nel 1788, come testimonia il First Fleet Park. Consiglio una sosta in questa zona anche per gli ottimi ristoranti italiani e il museo storico.

Sydney The Rocks

Royal Botanic Gardens

Questi enormi giardini botanici (30 ettari) sono stati aperti nel 1816 e costituiscono la più antica istituzione scientifica in Australia. L’ingresso è gratuito, si può scegliere se passeggiare tranquillamente, muoversi in bicicletta o seguire uno dei tour organizzati.

Ibis

Uno dei tanti ibis che si incontrano ai giardini botanici e nel centro di Sydney

In ogni caso non si può non restare affascinati dalle numerosissime specie di alberi, fiori e piante acquatiche (ci sono infatti molti stagni e laghetti) che creano un’atmosfera unica.

botanic garden sydney

Botanic Garden (foto di Eleonora Fraschini)

Chinese Garden of Friendship

Un’altra area verde davvero imperdibile è il Chinese Garden of Friendship, inaugurato nel 1988 per celebrare i rapporti di reciproco rispetto tra Cina e Australia. Questo giardino, situato tra moderne costruzioni e grattacieli, è una vera oasi: alberi, fiori, laghetti con cascate e piante acquatiche, ponti e piccoli edifici in stile orientale. Per immergersi ancora di più in questa atmosfera è possibile anche noleggiare dei costumi tradizionali cinesi (Biglietti: 6$/4€ adulti; 3$/2€ bambini).

chinese garden sydney

Chinese Garden (foto di Eleonora Fraschini)

Art Gallery of New South Wales

Chi pensa che l’Australia sia un paese senza storia in questo museo dovrà ricredersi. Collocato all’interno dei Botanic Gardens, presenta una ricca collezione di capolavori europei e di arte aborigena. L’ingresso è libero, a pagamento è invece possibile visitare le esposizioni temporanee di arte contemporanea. Se andrete in città durante l’estate, non dimenticatevi di portare un maglione per quando visitate i musei – l’aria condizionata è molto forte.

Shopping al Queen Victoria Building

Un pomeriggio di shopping non può mancare in una città come Sydney. Potete trovare negozi in tutte le vie del centro, soprattutto in George Street e Pitt Street. Numerosi sono poi i centri commerciali – il più originale è sicuramente Queen Victoria Building (455 George St), un edificio di tre piani in stile liberty, più raccolto e bon ton rispetto agli enormi mall australiani. Tappa perfetta per souvenir e regali!

Bondi Beach

Un altra tappa must a Sydney è Bondi Beach, la famosa spiaggia che si trova appena fuori dal centro città ed è raggiungibile con 40 minuti di bus (numeri 380 e 333, partenza da Circular Quay, in Alfred Street, vicino al molo/wharf numero 2).

bondi-beach-sydney

Buon viaggio a Sydney!
Eleonora Fraschini

1 comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
La Milanese Imbellita: guida semiseria per affrontare Milano al meglio

Qualche giorno fa sono stata alla presentazione di un libro estremamente utile e divertente, "La Milanese Imbellita", di Alice Rosati...

Chiudi