Search for content, post, videos

Cinque Terre low cost: i nostri consigli e le dritte giuste

Cinque Terre low cost [Credits by Wellington Rodrigues/ Unsplash.com]

Pianificare qualche giorno di vacanza alle Cinque Terre spaventa un po’ il nostro portafoglio, diciamoci la verità. Località rinomate, stupendi ristoranti sul mare, hotel di lusso. E noi comuni mortali che vogliamo scoprire queste zone paradisiache? Armiamoci e partiamo, perché tutto si può fare, anche una vacanza alle Cinque Terre low cost!

Dove dormire alle Cinque Terre low cost

L’aspetto principale da non trascurare è il luogo in cui alloggiare. Per risparmiare notevolmente l’ideale è evitare di prenotare hotel e B&B nelle famose località della Riviera di Levante. Preferite le località montane nel Parco Nazionale delle Cinque Terre. In questo modo non solo abbatterete i costi, ma scoprirete dei paesini incantevoli. Io, per esempio, ho scelto Pignone, un piccolo borgo immerso nel Parco, circondato dalla natura e dalla storia. Ho prenotato due notti al B&B La Meridiana Casale e credetemi ne sono stata entusiasta: stanze davvero molto ampie e confortevoli, colazione fatta in casa ottima e proprietari gentilissimi. La spesa a maggio è stata di poco meno di 70 € a notte a camera.

Raggiungibile in auto, questo B&B è molto comodo per arrivare a Monterosso. Fondamentale è lasciare l’auto nei pressi di una sosta del bus (Colle di Gritta) e procedere con l’autobus fino alla nostra meta. Eviterete così di pagare cifre astronomiche per il parcheggio e vi muoverete esclusivamente con i mezzi pubblici.

Interno della strutta La Meridiana Casale a Pignone

Cinque Terre low cost: Interno de La Meridiana Casale [Foto di Elisabetta Nardelli]

Cosa visitare alle Cinque Terre

È quasi banale elencarvi le cinque meravigliose località marittime da visitare, ma considerando il nostro obiettivo di vacanza alle Cinque Terre low cost, ho qualche dritta da proporre. Innanzitutto, è importante acquistare la Cinque Terre Card. Ha un costo di 16 €, dura un giorno e permette di prendere tutti i treni della linea delle Cinque Terre e usufruire delle toilette. Grazie a questa card potrete anche usufruire del servizio bus (come quello che vi ho indicato per arrivare a Monterosso). Così facendo, potrete visitare senza problemi, in una sola giornata, Monterosso al Mare, Vernazza, Manarola, Rio Maggiore e Corniglia.

I treni sono frequentissimi e potrete salire e scendere tutte le volte che vorrete. Inoltre, fra una località e l’altra ci sono davvero pochi minuti di tragitto.Vi consiglio di partire con il treno da Monterosso e raggiungere Rio Maggiore (l’ultimo paese) e poi ritornare visitando ciascun paese che incontrerete.

Rio Maggiore è una piccola località marittima visitabile in poco tempo. Addentratevi nelle viuzze, salite più possibile e godete dei panorami che regala.

Spostatevi poi con il treno a Manarola. Per me questa è davvero una perla fra le Cinque Terre. Casette dai colori sgargianti che si affacciano sulla baia, mare dai colori intensi e vista mozzafiato. Seguite il sentiero che trovate sulla destra del porticciolo e vi troverete in punti panoramici magnifici a strapiombo sul mare.  Purtroppo il percorso non è totalmente agibile e a un certo punto si interrompe a causa dell’alluvione di alcuni anni fa. Concedetevi un’ottima focaccia ligure e della farinata da La Cambusa”: poca spesa, massima resa!

Con la pancia piena siamo pronti per la prossima tappa: Corniglia. Si tratta di un borghettino arroccato sulla costiera davvero grazioso. Dalla stazione, con la Cinque Terre Card, è possibile usufruire del servizio navetta per il borgo. In alternativa preparatevi a una salita abbastanza impegnativa, soprattutto in giornate calde. Una volta raggiunto il centro gustate una squisita granita al limone artigianale e proseguite verso i punti panoramici: la vista è davvero pazzesca.

Tornando alla stazione riprendiamo il treno e proseguiamo per Vernazza: anche questa un vero gioiellino. Un arcobaleno di case colorate si affacciano sul porticciolo e sulla meravigliosa cosa. Basta davvero poco per visitarla, quindi perdetevi fra le viuzze e salite, oppure godevi il sole caldo vicino al mare.

La spiaggia bianca di Monterosso al mare

Cinque Terre low cost: la spiaggia di Monterosso [foto di Elisabetta Nardelli]

Io non ho speso troppo tempo a Vernazza per potermi godere meglio Monterosso. Tenetela come tappa finale della vostra giornata in modo da visitarla appieno. Il piccolo centro è molto grazioso, con tanti negozietti e locali. Lasciatevi alle spalle la piazza e proseguite sul lungo mare a sinistra. Vi aspetta una passeggiata meravigliosa che vi porterà a un punto panoramico incantevole e alla vista di una spettacolare spiaggia. Mare azzurro, spiaggia e ovviamente relax. Riposatevi un po’ dalla giornata impegnativa e magari concedetevi un bagno rinfrescante. Una volta recuperate le energie proseguite con la passeggiata e addentratevi nel sentiero che trovate infondo al lungo mare. Salite e godetevi la vista.

Se siete in forma e soprattutto se non fa molto caldo, potrete approfittare dei molti sentieri che collegano le Cinque Terre con magnifiche passeggiate.

Cosa vedere nei dintorni delle Cinque Terre low cost

Il viaggio alle Cinque Terre low cost non finisce certo qui. Una tappa irrinunciabile è Porto Venere. Raggiungetela in auto e parcheggiate nella parte alta della città: vi costerà di meno. Scendete in paese tramite una delle molte scalinate presenti e con “soli” 300 gradini lo spettacolo è assicurato. Anche questa località è estremamente caratteristico e molto ben curato.

La vista della Chiesa di San Pietro a Porto Venere

Cinque Terre low cost: Chiesa di San Pietro a Porto Venere [foto di Elisabetta Nardelli]

Dopo aver passeggiato sul lungomare, arrivate fino all’imponente Chiesa di San Pietro, posta su un’altura a ridosso del mare. Salite fino in cima e ammirate la vista mozzafiato, oltreché la particolarità della struttura. Da ogni angolo e da ciascun pertugio potrete godere di scorci incantevoli. Approfittate di ogni occasione per guardare al di là della scogliera e salite fino in cima al Santuario della Madonna Bianca e infine al Castello. Scendendo verso il mare, curiosate fra le vie del paese e concedetevi una focaccia alla focacceria Fatti una pizza”.

Se vi avanza del tempo approfittate per un po’ di relax sulla grande spiaggia di Levanto e infine per una piacevole passeggiata sul lungomare.

Dopo aver visitato questi luoghi unici, capirete perché sono stati così tanto luoghi d’ispirazione per Eugenio Montale e Lord Byron.

Dove Mangiare alle Cinque Terre low cost

Trofie al pesto della trattoria La Loggia di Beverino

Cinque Terre low cost: trofie al pesto fatto in casa [foto di Elisabetta Nardelli]

Ricordiamo che il nostro viaggio alle Cinque Terre low cost deve rimanere tale e per questo prestiamo molta attenzione ai luoghi in cui cenare e pranzare. Personalmente, se non per una focaccia o un gelato, ho evitato le località di mare. Ho preferito due posticini nell’entroterra, che mi hanno offerto specialità del posto a prezzi onesti. Vi consiglio il “Ristorante Puin”, dove troverete piatti di terra e di mare. Provate, inoltre, la trattoria a Beverino La Loggia: i proprietari sono due persone molto gradevoli e disponibili e la pasta è tutta fatta in casa. Assaggiate le tagliatelle oppure i ravioli di borragine, e non dimenticate di provare l’eccezionale pesto fatto in casa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Vista dei Sassi di Matera da lontano con cielo limpido sullo sfondo
Cosa vedere a Matera in 2 giorni: consigli utili

Ero già stata a Matera da piccola con i miei genitori, ma da molto tempo ormai sognavo di tornarci con la...

Chiudi