Search for content, post, videos

Sicilia in macchina: itinerario di 5 giorni da Agrigento a San Vito lo Capo (e sconto per noleggio auto)

È arrivato il momento di raccontarvi il mio viaggio per visitare la Sicilia occidentale in macchina, da Agrigento a San Vito lo Capo.
Ho fatto questo on the road nell’isola a fine settembre e devo dire che ho trovato un tempo splendido – sono stata molto fortunata – così voglio condividere con voi le varie tappe del mio itinerario in auto in questa terra meravigliosa.
Pronti a partire?

Noleggiare la macchina in aeroporto o in stazione

Ho noleggiato la macchina online sul sito di TiNoleggio.it, un comparatore di prezzi che permette di trovare il veicolo più adatto alle proprie esigenze al prezzo più basso in assoluto.

Ho trovato la macchina già pronta per il ritiro all’aeroporto di Trapani e l’ho riconsegnata direttamente lì poco prima di ripartire.

Per il noleggio servono: patente in corso di validità, carta d’identità e carta di credito (sul sito però trovate anche tariffe dedicate a chi è sprovvisto di carta di credito).

Itinerario nella costa ovest della Sicilia: Agrigento, Marsala, Trapani, San Vito lo Capo

Sono partita con il mio compagno di viaggio Denis da Trapani, ma vi consiglio questo itinerario anche se partite dall’aeroporto di Palermo.

On the road in Sicilia giorno 1: Valle dei Templi e Scala dei Turchi

Ci siamo diretti subito verso sud-est, guidando per circa due ore (un’ora e mezza se partite da Palermo), con destinazione Agrigento, per vedere la meravigliosa Valle dei Templi.

La Valle dei Templi è uno dei siti archeologici più vasti del mondo e ti strabilia già in lontananza, quando guidi in mezzo alle colline di uliveti e improvvisamente intravedi delle colonne in cima a un’altura. E curva dopo curva, scopri questo susseguirsi di templi dorici e ti ritrovi immerso nella storia.

Resti archeologici della Valle dei Templi

Passeggiando nella Valle dei Templi [Foto di Fraintesa]

A circa un quarto d’ora di macchina dalla Valle dei Templi c’è la famosa Scala dei Turchi, una parete rocciosa di marmo bianco a picco sul mare. Ci si arriva camminando sulla spiaggia (troverete indicazioni per scendere giù dalla strada con una scalinata) ed è magnifica al tramonto.

Per i nostri primi due giorni in Sicilia io e Denis abbiamo dormito a Selinunte, una località in una posizione strategica per l’itinerario, a circa un’ora e venti di macchina dalla Valle dei Templi in direzione Mazara del Vallo (che sarebbe stata la nostra tappa nel giorno successivo).

Scala dei Turchi in Sicilia

Un pomeriggio alla Scala dei Turchi [Foto di Fraintesa]

Abbiamo soggiornato in un hotel che abbiamo trovato su Booking e che ci è piaciuto molto, il Momentum Wellness resort: si trova in un baglio (tipico casolare siciliano) ristrutturato ed è un wellness bio resort con spa, ristorante bio, terrazza e piscina a sfioro con vista sugli uliveti. Davvero consigliatissimo!

 

Vista sulla piscina del Momentum Wellness resort

L’incantevole piscina del Momentum Wellness resort [Foto di Fraintesa]

On the road in Sicilia giorno 2: Selinunte, spiagge e Mazara del Vallo

Dopo il risveglio nel bio resort (e un tuffo in piscina!) ci siamo diretti all’area archeologica di Selinunte, circa 70 km a sud dall’aeroporto di Trapani.

Selinunte nasce come città greca e ha più di 2.700 anni di storia. Anche se non siete appassionati di storia, non potete perdervi la meravigliosa acropoli a picco sul mare. Troverete anche un piccolo carrettino che vende granite fresche: godetevi questo spaccato di Sicilia con la brezza marina tra i capelli!

Nel pomeriggio ci siamo diretti verso Mazara del Vallo, dove ci siamo rilassati in spiaggia: vi consiglio la Tonnarella, che si estende per 8 km fino a Capo Feto.

Aperitivo e cena l’abbiamo fatti in paese. Andate a mangiare il cous cous più autentico da Eyem Zemen in Via Porta Palermo, 36: non ve ne pentirete! Uno dei migliori che io abbia mai mangiato in Italia.

Trovate il tempo di girare con calma per Mazara, esplorarne i vicoletti, la casbah e il lungomare. Mazara del Vallo racchiude un po’ tutte le anime della Sicilia: qui vedrete viali alberati e porticcioli, chiese monumentali e case arabe. Sono rimasta piacevolmente colpita dal mix di stili architettonici e dall’atmosfera accogliente e multiculturale: mi è piaciuta davvero tanto.

On the road in Sicilia giorno 3: Marsala, spiagge, saline e mulini a vento

Nel nostro terzo giorno in Sicilia, risalendo sempre verso nord, abbiamo scelto di raggiungere Marsala e rilassarci al mare. Ci siamo comprati pane e panelle e dolci con la ricotta in una delle gastronomie trovate lungo la strada e ci siamo diretti verso la spiaggia di San Teodoro per goderci un po’ di meritato relax.

Un’altra spiaggia che vi consiglio, lungo la strada tra Mazara del Vallo e Marsala, è quella di Lido Signorino.

Nel tardo pomeriggio siamo andati alle Saline della Laguna, che si trovano tra Marsala e Trapani. Qui potete fare una delle visite guidate che partono ogni ora, oppure godervi una pausa nel bar con vista sull’acqua, sul mulino a vento e sulla suggestiva spianata bianca di sale. Da qui ogni 30 minuti partono anche le imbarcazioni per Isola Lunga, l’isola più grande dello stagnone, dove potrete fare una passeggiata nelle saline, scattare foto o provare un percorso benessere con il bagno di sale.

Cumuli di sale nelle Saline della Laguna

La vista sulle Saline della Laguna [Foto di Fraintesa]

Purtroppo io e Denis siamo stati qui a fine settembre quando i tour per l’isola erano già sospesi per l’autunno, ma se siete più fortunati di noi (e se incontrate alla biglietteria personale meno antipatico di quello in cui ci siamo imbattuti noi) credo che valga la pena fare questa esperienza. Vi consiglio di prenotare in anticipo, anche se mi sembra complicato: qui trovate il sito con le informazioni per prenotare telefonicamente a determinati orari.

La sera siamo arrivati a Marsala, una cittadina estremamente vivace e godibile. Abbiamo fatto un giro nei suoi viali monumentali color giallotufo e per cena ci siamo diretti in un delizioso bistrot in una piazza barocca (Piazza Purgatorio), che mi era stato suggerito da tanti amici e lettori: Ciacco Putia. Consigliatissimo: hanno ottimi vini e propongono una cucina tipica siciliana gustosa e stagionale, rivisitata in chiave gourmet.

On the road in Sicilia giorno 4: Cala del Bue Marino e San Vito Lo Capo

Per il nostro quarto giorno in Sicilia abbiamo deciso di iniziare la giornata al mare, tra gli scogli della suggestiva Spiaggia del Bue Marino.

Da lì siamo risaliti in macchina e ci siamo diretti a San Vito lo Capo, dove ci siamo ritrovati nel bel mezzo dell’evento più famoso del luogo, il Cous Cous Fest, che si tiene ogni anno a fine settembre. Qui in paese vi consiglio di fare un giro nei negozietti del centro, oppure di rilassarvi nella lunga spiaggia bianca.

La vista sulla spiaggia del Bue Marino

Il mare dalla spiaggia del Bue Marino [Foto di Fraintesa]

Per cena? Cous cous!

On the road in Sicilia giorno 5: Riserva dello Zingaro, Scopello e Erice

Nel nostro ultimo giorno in Sicilia siamo arrivati alla Riserva Naturale dello Zingaro, che include numerose calette nascoste in mezzo alla macchia mediterranea e i musei delle attività marinare e agricole. Se come me amate la natura selvaggia e incontaminata, impazzirete per queste spiagge. Ricordatevi di indossare scarpe comode e portare con voi un po’ di acqua se volete raggiungerle sotto il sole – c’è un po’ da camminare!

Il panorama della spiaggia della Riserva dello Zingaro

La vista sulla Riserva Naturale dello Zingaro [Foto di Fraintesa]

Il borgo di Scopello è una chicca e vale la pena farci un salto, anche solo per godersi una colazione super calorica a base di brioche alla ricotta seduti nella piazzetta, mentre i gatti solitari miagolano intorno. Da qui scendete verso la Tonnara, uno dei posti più suggestivi che io abbia mai visto in Italia: immersa nel verde, sotto a due torri medievali e davanti a due imponenti faraglioni, un’antica tonnara è stata ristrutturata ed è diventata un lido balneare. Potete fermarvi a dormire in uno degli appartamenti che ospita, visitare il museo della pesca, fermarvi a prendere il sole oppure semplicemente godervi il panorama.

Dopo la visita alla Tonnara siamo ripartiti in macchina per dirigerci verso l’aeroporto di Trapani. Se vi avanza tempo, lungo il percorso approfittatene per fare una tappa a Erice, un borgo medievale arroccato sulla cima di una montagna che offre un panorama incredibile sulla valle e sul mare.

E fermatevi alla pompa di benzina che trovate subito prima dell’aeroporto – sia per fare benzina, sia per mangiare gli ultimi piatti siciliani freschi prima di rientrare a casa!

Sconto per noleggiare la macchina con TiNoleggio.it

E ho uno sconto dell’8% per voi che deciderete di noleggiare un’auto (ovunque nel mondo!) con TinNoleggio.it: per ottenerlo cliccate su questo link apposito sul sito di TiNoleggio.it, vi applicherà in automatico la percentuale di sconto una volta che effettuerete la prenotazione da lì.

E non dimenticatevi di farmi sapere come va il vostro viaggio!

 

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con TiNoleggio.it.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
La discarica di Peccioli
Visitare Peccioli e dintorni

Enogastronomia, arte, tradizioni antiche e un cuore green: visitare Peccioli per (ri)scoprire la Toscana più autentica. Lo ammetto: quando per...

Chiudi